Ester Armanino

Abitare una storia

 430,00

Armanino_ph

Product Description


COS’È

«La scrittura per me è una casa, ma non ci abito io, è una casa che costruisco per gli altri», ha detto Annie Ernaux. Per alcuni scrittori invece è una strada da percorrere, e per altri una città-mondo fatta di scambi, flussi e relazioni. Ogni scrittore quindi deve essere un po’ architetto, se vuole che la sua storia risponda all’esigenza primaria del lettore: abitarla.
Ma come si rendono i luoghi della narrazione realmente percepibili anche se la nostra visita avviene nell’immaginazione? Come si passa dal concetto quantitativo, misurabile, di spazio a quello qualitativo, abitabile, di luogo?
In questo laboratorio di scrittura saremo architetti e operai, urbanisti e designer, e avremo un budget illimitato, così come lo è la creatività.
Affronteremo i vari argomenti con esercitazioni brevi e divertenti che, come in ogni progetto che si rispetti, avranno una scala di rappresentazione specifica, così da non tralasciare nessuna dimensione.
Alla scala delle mappe affronteremo il tema della città; quelle invisibili di Calvino ci offriranno una geografia possibile da cui partire per raccontare le città in cui viviamo e che ci sono visibili sì, ma non del tutto «scrivibili».
Analizzeremo poi le abitazioni contemporanee più interessanti e audaci del mondo guardando progetti e fotografie, per arrivare a scrivere del luogo che, in una scala più vicina a noi, ci rappresenta meglio di ogni altro: la casa.
Scendendo poi alla scala di dettaglio, indagheremo le cose, gli oggetti, e come questi definiscano la nostra epoca, disorientandoci se per caso qualcosa finisce fuori posto attraverso una capsula del tempo.
Infine, vedremo come anche i non-luoghi – per esempio supermercati o aeroporti – possano acquisire pari dignità dei luoghi attraverso la narrazione.

Durante il corso faremo un’esercitazione collettiva, curando un racconto che passerà attraverso successivi editing e riscritture e che ci darà la possibilità di abitare tutti nello stesso luogo: ispirandoci al film Dogville di Lars Von Trier, in cui la città è solo una mappa di segni bianchi tracciati su un palcoscenico, costruiremo un villaggio popolato dalle nostre storie, fatto di pareti invisibili ma credibili, a ciascuno il suo lotto. Puoi già scaricare la mappa qui. Ci sono la villetta in collina e la stazione di servizio fuori dal villaggio, il cantiere della casa in costruzione e il museo: dove abiterà la tua storia?

QUANDO
Le lezioni cominciano a maggio e durano tre mesi.

DOMANDE
Voglio iscrivermi! Come posso pagare?
Ci sono due modi: se vuoi fare un bonifico, scrivi a classify@scuolaholden.it e ti manderemo i dati. Per pagare con PayPal, invece, aggiungi il corso al carrello e segui le istruzioni.

Come funziona Classi-fy?
Dovrai seguire un calendario settimanale di appuntamenti: potranno essere lezioni video del docente, dispense da leggere e scaricare, e avrai delle scadenze per scrivere e condividere sul sito di Classi-fy i compiti a casa. Leggerai cosa scrivono i tuoi compagni e potrai commentare o ricevere le loro opinioni su quel che scrivi tu. Nel forum potrete incontrarvi e parlare delle lezioni (ok, sappiamo già che non parlerete solo di quello: ma fa parte del divertimento). A volte il docente posterà un video in cui analizza pubblicamente i lavori di tutta la classe, ma riceverai valutazioni personali sui tuoi testi anche dai tuoi compagni, durante le discussioni in chat.

Quali sono i requisiti tecnici per partecipare? Devo installare qualche programma speciale sul computer?
In linea di massima, si lavora online: quindi basta avere una connessione internet. Sul sito classi-fy.it troverai i video delle lezioni, che verranno caricati man mano procederà il corso, condividerai i tuoi documenti con il resto della classe, potrai scaricare le dispense e scambiarti messaggi con i compagni.

E alla fine del corso cosa succede?
Tutta la classe verrà alla Holden, a Torino, per la lezione conclusiva e la consegna del diploma. Finalmente vi conoscerete tutti dal vivo e, se tutto va bene, vi berrete una birretta in Borgo Dora per festeggiare.